Informativa breve sui cookie

Ordine e pulizia in casa con il metodo Kondo

Comment

Casa Curiosità
20170523_083402

Avere una casa ordinata, funzionale e pulita è spesso difficile per gli uomini soli. Dal Giappone arriva il comodo e semplice metodo Kondo, ideato dalla scrittrice Marie Kondo, che suggerisce come organizzare gli armadi, le librerie, la cucina e tutte le altre stanze della casa e dell’ufficio.

Il metodo Kondo per i vestiti e la biancheria prevede, prima, di svuotare l’armadio in modo da individuare i capi da eliminare. Gli abiti possono essere appesi con le grucce, sistemarli nei cassetti dopo averli piegati in poche mosse. La tecnica del metodo Kondo per magliette e maglioni è spiegata nei suoi libri ed online.

Per ordinare la cucina è importante eliminare gli oggetti inutili o che si usano di rado. I ripiani, per questioni di praticità e di igiene, devono essere il più possibile vuoti; si dovrebbero lasciare fuori soltanto ciò che si usa quotidianamente più volte al giorno, come per esempio l’olio o lo zucchero.

In bagno, per evitare il caos non accumulate i prodotti ed imponetevi di aprire anche le confezioni regalo e monouso prima che scadano.

La libreria e l’archivio di casa, secondo il metodo Kondo, si può sistemare velocemente eliminando i volumi che non ci interessano o che non si desidera leggere. In seguito, si passa ai documenti e alle carte, selezionandole in base a quanto tempo devono essere archiviate. Si possono prevedere delle cartelline, da dedicare alle ricevute da tenere, alle garanzie e ai biglietti da visita.

Dopo aver individuato tutti gli oggetti e i capi da buttare provate a venderli online, a proporli in regalooppure a darli a chi ha bisogno; le parrocchie e molte onlus si occupano di distribuire alle persone in difficoltà ciò che è ancora in buone condizioni e che non deve essere sprecato.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>