Informativa breve sui cookie

Comprare pesce fresco, come sceglierlo

Comment

Uncategorized
Comprare pesce fresco, come sceglierlo

Comparare il pesce fresco non è sempre facile perché richiede una certa attenzione. E’ importante comparare il pesce fresco perché oltre ad avere il massimo del sapore si è certi di consumare un alimento nutriente e benefico.

Il pesce fresco è salutare e contiene grassi buoni e proteine.

Comprare pesce fresco, come fare

Comprare pesce fresco non è difficile se si seguono alcuni suggerimenti.

Se è possibile bisogna farsi mostrare le branchie che devono avere un colore rosso brillante e non troppo scuro mentre le squame devono essere ben aderenti al corpo. Quando si compara il pesce fresco bisogna valutare tutti gli aspetti. Anche al tatto si può distinguere un pesce di qualche giorno perché la polpa appare flaccida e quando si tocca è molliccia e resta affossata.

Non date per scontato la provenienza né il metodo di pesca; tutte le informazioni devono essere riportate in etichetta. Quando si compra il pesce non bisogna trascurare il suo profumo che deve essere piacevole e non troppo forte.

Comprare pesce fresco, consigli

Comprare pesce fresco è una buona abitudine per la salute perché si tratta di un alimento leggero ed adatto anche a chi segue un regime ipocalorico.

Il pesce apporta vitamine, grassi buoni,sali minerali preziosi ed è un’ottima fonte di proteine digeribili.

Le sue virtù lo rendono un alimento che uomini e donne dovrebbero consumare fra le due e le tre volte alla settimana, a meno che non vi siano delle controindicazioni. Per comprare il pesce fresco e buono è bene ricordarsi che la carne deve essere soda, l’occhio vivace e lucido, mai infossato; i colori devono essere brillanti.

Il pesce decongelato deve essere consumato in tempi più ridotti rispetto al fresco e non può essere ricongelato. Per questioni igieniche il pesce si conserva dopo averlo eviscerato, lavato ed asciugato; successivamente si sistema all’interno di un contenitore chiuso o di un’apposita busta per alimenti. Il pesce crudo deve essere riposto lontano dagli altri alimenti per ridurre il rischio di contaminazione crociata.

Il tempo di conservazione è variabile ma, in genere, si può tenere in frigorifero per uno o due giorni al massimo mentre in freezer i tempi sono maggiori ma è opportuno non eccedere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>