Informativa breve sui cookie

Carnevale, giro fra i più belli d’Italia

Comment

Curiosità
Carnevale, giro fra i più belli d’Italia

Carnevale è un’occasione per divertirsi in compagnia. Nel nostro Paese le tradizioni di Carnevale sono antiche e radicate. Vi portiamo a conoscere alcune delle manifestazioni carnevalesche più suggestive e belle.

Carnevale a Fano

In Friuli Venezia Giulia nelle Valli del Natisone il Carnevale viene detto Pust. Il personaggio del Pust indossa vesti frangiate dai colori sgargianti. Irrequieto, dispettoso e bizzarro rappresenta il diavolo . Il suo obiettivo è arrecare disturbo, divertirsi e mangiare.

Le maschere, sono differenti da paese a paese ma ovunque si radunano per festeggiare e divertirsi.

Il carnevale di Fano, nelle Marche, è uno dei più antichi di Italia. Le origini risalgono al XIV secolo mentre nel XX secolo è stata fondata l’associazione incaricata di organizzare l’evento. I festeggiamenti, come in altri luoghi, si concludono con un grande rogo nel quale viene bruciato il fantoccio di Carnevale. Le sfilate di Fano sono note non soltanto per i meravigliosi carri ma anche per le musiche e la distribuzione di dolci.

Carnevale in Sicilia e Sardegna

Fra i tanti appuntamenti della Sicilia vi segnaliamo quello di Sciacca. Carri imponenti sfilano per le vie cittadine, dove si possono ammirare costumi e coreografie elaborate.

Da non perdere anche quello di Avola, annoverato fra i più antichi, e di Palermo dove si alternano sfilate e balli.

In Sardegna le tradizioni di Carnevale assumono caratteristiche differenti secondo la zona di riferimento.

Ad Oristano, nella costa Occidentale dell’Isola, si svolge la Sartiglia. E’ un’antica giostra equestre durante la quale i cavalieri cercano di infilzare con una spada la stella appesa davanti al Duomo.

Invece, nei paesi dell’interno si rievocano riti misteriosi del rapporto fra l’uomo e la natura. A Mamoiada, ad Ovodda e in tanti altri centri si possono ammirare manifestazioni uniche e particolari. A Gavoi il Carnevale è sinonimo di musica, grazie a sos tumbarinos. Con addosso maschere di legno percorrono le vie del paese suonando antichi strumenti della tradizione sarda.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>