Informativa breve sui cookie

La festa della donna gli eventi e la storia

Comment

Uncategorized
La festa della donna gli eventi e la storia

La festa della donna si festeggia l’8 marzo. Il significato profondo della festa della donna è di tipo sociale e morale.

E’ una giornata nata nel XX secolo per sottolineare i diritti civili delle donne e per sensibilizzare sul loro fondamentale ruolo nella società.

La festa della donna, gli eventi

Gli appuntamenti per festeggiare l’8 marzo sono davvero innumerevoli.

A Sestri Levante, in Liguria, domenica 10 marzo 2019 si può visitare il museo archeologico e della città di Sestri Levante. In questa giornata è programmata una visita speciale per conoscere la vita e le opere di Virginia Wolf, Rosa Luxemburg e tante altre.

A Savona per questa occasione le donne potranno visitare gratuitamente alcuni musei cittadini come il civico museo archeologico. Inoltre, sarà aperto lo sportello “Mamma che fame”sulla salute e l’alimentazione presso la Casa del volontariato.

Invece, a Roma da venerdì 8 e per tre giorni si tiene “Feminism”, la fiera dell’editoria delle donne. Sono previsti presentazioni, dibattiti e molto altro.

Anche a Napoli per la festa della donna l’ingresso ai musei è gratuito. Inoltre, all’osservatorio astronomico di Capodimonte è organizzato l’evento “Le stelle sono donne”, con prenotazione obbligatoria.

La festa della donna, la storia

Le origini della giornata internazionale delle donne risalgono agli inizi del 1900. Bisogna però sottolineare che non esiste una visione univoca sulle cause e le forze che ne hanno determinato la genesi.

Per la prima volta si festeggia negli Usa, nel febbraio del 1909 per volontà del partito socialista. Le istanze di emancipazione femminile vengono recepite velocemente anche in Europa. Bisogna aspettare il 1921 perché venga determinata definitivamente la data dell’8 marzo che richiama le proteste contro la guerra organizzate a San Pietroburgo.

In Italia la mimosa viene scelta come simbolo dell’8 marzo a partire dal 1946. La scelta si deve a tre rappresentanti dell’Udi, l’Unione donne italiane, che la preferirono per la sua bellezza e delicatezza.

Buona festa della donna!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>