Informativa breve sui cookie

L’olio extra vergine d’oliva, consigli per l’acquisto e la conservazione

Comment

Casa Cucina
L’olio extra vergine d’oliva, consigli per l’acquisto e la conservazione
L’olio extra vergine d’oliva è un alimento prezioso e salutare. Per scegliere un buon olio extra vergine d’oliva bisogna leggere l’etichetta e non trascurare gusto e profumo.
Si conserva al riparo dalla luce solare, in un luogo asciutto e fresco.

L’olio extra vergine d’oliva, consigli per l’acquisto

Un olio extra vergine d’oliva di qualità ha un costo minimo. Il prezzo eccessivamente basso, non di rado, è sinonimo di prodotti di livello inferiore.
In etichetta si trova la tipologia di olio come, per esempio, di sansa oppure extra vergine e la sua origine. Per trovare un prodotto nazionale è sufficiente leggere quale sia l’origine della materia prima.
L’olio di sansa è meno costoso e si ottiene dal materiale di risulta della lavorazione delle olive. Se l’olio ha bisogno di successive lavorazioni ed aggiunte si parla di lampante.
Invece, l’extra vergine è il più pregiato ed è caratterizzato da un’acidità massima di 0.8%. Si ottiene, esclusivamente, dalla lavorazione delle olive ed è privo di qualsiasi aggiunta.
Il colore, più o meno intenso, dipende da molti fattori. Oltre che dal grado di maturazione delle olive e dalla loro qualità, può essere alterato da una cattiva conservazione.
Il sapore dell’olio è influenzato da moltissimi fattori. Dipende dal grado di maturazione delle olive al momento della molitura, dal cultivar e dalle tecniche di estrazione. Inoltre, un olio extra vergine d’oliva fresco ha, certamente, un gusto più intenso di uno ormai esausto.

L’olio extra vergine d’oliva, come conservarlo

Per preservare le qualità organolettiche e benefiche è necessario tenerlo al buio, al riparo dalla luce solare e dagli sbalzi di temperatura. L’olio si tiene in recipienti di vetro scuri che riducono al minimo le possibili alterazioni. Col passare del tempo il profumo, così come il colore, tendono a modificarsi.
La maniera più semplice per gustarlo ed assumere i suoi preziosi nutrienti è l’uso da crudo. Un giro d’olio a fine cottura regala un profumo ed un sapore veramente speciale anche al piatto più semplice..

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>