Informativa breve sui cookie

Le truffe sentimentali, come avvengono e cosa sapere

Comment

Curiosità vita da single
Le truffe sentimentali, come avvengono e cosa sapere
Le truffe sentimentali sono conosciute anche come romantic scrame. Il raggiro messo in atto durante le truffe sentimentali è molto subdolo ed articolato.

Il fenomeno, in grande espansione, riguarda donne ed uomini di ogni ceto sociale.

Le truffe sentimentali, come avvengono

Le vittime vengono contattate sui social attraverso una richiesta ad amicizia. Le donne vengono contattate da soggetti affascinanti così come i maschi vengono adescati da donne bellissime e giovani.
Le categorie più bersagliate dai truffatori sono le persone sole o che hanno alle spalle un matrimonio fallito.
Sin dal primo giorno di conoscenza virtuale, il malintenzionato invia delle foto di modelli o rubate dal web. Si mostra cordiale, educato,impegnato con un lavoro prestigioso e con tanti interessi. Dopo qualche tempo iniziano i drammatici racconti relativi al loro stato di salute o ad altre situazioni inverosimili. Al malcapitato viene effettuata una richiesta di bonifico all’estero.
 In alcune truffe, il denaro viene chiesto per poter scappare da una guerra, per poter acquistare un biglietto aereo per potersi incontrarsi.
 Gli incontri nella realtà vengono puntualmente disattesi con le scuse più varie fino a quando l’estorsore non sparisce letteralmente nel nulla. Inutile contattarlo in chat, sui social o al telefono perché il profilo viene cancellato.

Le truffe sentimentali,  cosa sapere

Per non cadere nella trappola di una truffa romantica, prima di accettare una nuova amicizia, è opportuno andare sul profilo per verificare i contatti, la provenienza ed altre notizie. E’ bene osservare con attenzione gli scatti pubblicati.
 Online sono disponibili dei cataloghi di fotografie utilizzate in questi raggiri che sono attentamente organizzati in tutti i dettagli.
E’ importante non fornire mai dati ed informazioni personali così come non devono mai essere effettuati pagamenti e bonifici.
Se si ha il sospetto di aver a che fare con un impostore è necessario rivolgersi alla polizia postale.potersi incontrare

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>