Informativa breve sui cookie

“No poo” per capelli sani e più belli

Comment

corpo Curiosità

Nel mondo dei vip è già una realtà diffusa e conosciuta. Parliamo del “no poo” o “low poo”, ossia il lavare i capelli senza utilizzare il classico shampoo.

E’ un modo per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente ma anche per mantenere i capelli ed il cuoio capelluto in perfetta salute. E’ possibile detergere la chioma anche con metodi naturali e non aggressivi, per esempio sfruttando le proprietà dell’aceto, del succo i limone o della melaleuca. Sono molti, anche coloro che invece, preferiscono ricorrere, esclusivamente, all’acqua calda senza aggiungere nient’altro.


Il “no poo” è una moda assimilata molto velocemente che sta spopolando anche in Italia perché aiuta ad avere una chioma in salute senza spendere una fortuna. Per alcuni è necessario un periodo di adattamento mentre per altri si tratta di un metodo che, da subito, regala ottime soddisfazioni.

Il “no poo” nasce da una doppia esigenza: da un lato il desiderio di ridurre al minimo le sostanze di origine chimica per la detersione e dall’altra la voglia di limitare le forme d’inquinamento. Parallelamente  a questo trend corre il diminuire la frequenza con la quale si lavano i capelli; sarebbe opportuno arrivare a due o tre volte alla settimana, sempre che non si sia degli istruttori sportivi. Infatti, eccedere con i lavaggi indebolisce i capelli  privandoli del loro film protettivo naturale ed espone alla formazione della forfora e di altri problemi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *